I dipendenti statali sono danneggiati

Dal 2010 gli stipendi dei pubblici dipendenti sono fermi: non fruiscono, cioè, dell'adeguamento rispetto all'aumento del costo della vita calcolato in base agli indici ISTAT. Ogni dipendente ministeriale ha perso, in termini di mancato aumento salariale, circa 2.700 euro lordi l'anno.

Il blocco degli stipendi è incostituzionale

La sentenza della Corte Costituzionale n. 178 del 24 giugno 2015 ha stabilito che il blocco dei contratti del pubblico impiego è illegittimo e incostituzionale, ma ha limitato tale illeggittimità solo al periodo successivo alla pubblicazione della sentenza stessa.

GLI OBIETTIVI DELL'AZIONE COLLETTIVA

RISARCIMENTO

Per danni per mancato rinnovo dalla data successiva alla pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale. La richiesta è di 200 euro al mese per il periodo successivo al 30 luglio 2015.

INDENNIZZO

Per danni per effetto mancato rinnovo dal 2010. La richiesta di indennizzo è di 100 euro al mese per il periodo che va dal 2010 al 30 luglio 2015.

RINNOVO

Rinnovo immediato dei contratti collettivi per il personale pubblico dipendente, obbligo direttamente scaturente dalla sentenza della Consulta.

Clicca qui per tornare sopra